/e.mò.ti.con / Illustra l’emozione

Un progetto di indagine sul tema delle emozioni attraverso l’illustrazione, che ha coinvolto da vicino i nostri ragazzi


6 giorni, 4 spettacoli, 8 itinerari, 4 proiezioni, 2 mostre, 3 laboratori, 1 forum, 1 incontro: è questo Terrestri d’estate – festival di teatro urbano. Che tra gli eventi ha ospitato /e.mò.ti.con/, un progetto di indagine sul tema delle emozioni del bambino attraverso l’illustrazione. Una call pubblica che ha coinvolto più di 90 illustratori provenienti da tutto il mondo.Tra gli artisti, anche alcuni dei nostri ragazzi, che hanno tradotto le loro emozioni in coinvolgenti e commoventi illustrazioni, tanto da essere selezionati per l’interesse dei loro lavori ai quali è stata dedicata un’apposita sezione.

Illustrare le emozioni

Seye Ass e Souleymane Bah mostrano con orgoglio il catalogo sul quale sono state pubblicate tutte le illustrazioni prodotte.

Abbiamo conosciuto l’evento Emoticons attraverso il Progetto Giovani di Padova. Ci è piaciuta molto la possibilità, attraverso questo progetto, di dare ai nostri ragazzi l’opportunità di condividere le loro emozioni avvalendosi  dell’arte come mezzo di espressione .Per loro è stata un’ottima occasione di far emergere e condividere il loro vissuto e i loro sogni. 
Emoticon” era un concorso rivolto ad illustratori under 35 che dovevano raffigurare ” di che cosa sono fatte le emozioni? Che forma hanno? Di che colore sono? Come si esprimono? A cosa servono?”, il tutto curato da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale, in collaborazione con l’ Associazione Illustri con sede a Vicenza.
Fin da subito il responsabile del progetto, Sergio Meggiolan, ha accolto la nostra proposta di partecipazione con entusiasmo, proponendoci di intervenire in particolare alla versione “Emoticon off“, uno spazio destinato all’esposizione dei lavori di nostri ragazzi all’interno della Bottega Unicomondo di Vicenza .
L’occasione di Emoticon ci ha ispirato per creare un laboratorio di pittura con i ragazzi, guidato di Adelina Roci, per produrre le opere sul tema delle emozioni.
Abbiamo principalmente lasciato i ragazzi sperimentare e prendere confidenza con il materiale pittorico per potersi esprimere liberamente. I loro primi lavori ci sono piaciuti talmente tanto che abbiamo pensato di lasciarli come versione definitiva. Sono stati utilizzati acquerelli, tempere e colori acrilici su semplici fogli A4, che poi sono stati incorniciati con del cartone semplice in occasione della Festa della Nuova Repubblica del 02 giugno durante la quale abbiamo esposto i lavori dei ragazzi. Seppur con un argomento così complesso come quello delle emozioni, i nostri ragazzi hanno dato il massimo mostrando molta sensibilità, impegno ed attenzione.
Successivamente, in occasione della consegna dei lavori che ho personalmente portato a Vicenza, siamo stati anche invitati il giorno 17 luglio all’inaugurazione generale dell’evento “Festival del Teatro Urbano “, in cui il progetto “Emoticon” era compreso, oltre al giorno destinato alla nostra esposizione che avrebbe avuto luogo il 21 luglio.
Il giorno dell’inaugurazione sono stati presenti Seye Ass e Souleymane Bah accompagnati da Francesca Grisot: sono stati molto felici di vedere la reazione delle molte persone che osservavano i loro lavori  e sono stati testimoni dell’impatto che l’arte può avere sulle persone e il suo potere di comunicare.

Le illustrazioni


 Vogliamo ringraziare con calore il centro di produzione teatrale La Piccionaia per l’accoglienza e la disponibilità che ci hanno sempre dimostrato.
/ e.mò.ti.con / off
FESTIVAL TEATRO URBANO ( Pagina 7,8)
CONCORSO/ e.mò.ti.con / 

Articolo di Luider Vasquez

Operatore di Area Orientamento ai Servizi del Territorio e Integrazione